Contro la crisi serve comunita’

 

Don Soddu: «Contro la crisi serve comunità»

Persona e comunità. La persona al centro, con tutto ciò che le appartiene a partire dall’ambiente. E la comunità cristiana attorno, che attivandosi nell’aiuto ai poveri riscopre il senso della sua fede. Eccoli i due binari su cui la Caritas intende procedere nel prossimo quinquennio. Paralleli e indispensabili. A conclusione dei quattro giorni del 39° Convegno ecclesiale delle Caritas diocesane a Castellaneta ( Ta), il direttore don Francesco Soddu fa il punto. E indica nello «sviluppo umano integrale», quello della Laudato sì, la rotta del nuovo mandato che gli è stato rinnovato.
Il confronto tra le 155 Caritas diocesane stavolta ha privilegiato le buone pratiche alle relazioni.
Tutti gli interventi sono stati improntati allo stile del racconto, per focalizzare meglio l’attenzione sullo sviluppo umano integrale, tema di questo 39° convegno. Abbiamo preferito il concreto all’astratto. Ed è stata una scelta vincente.
Come le undici ‘opere-segno’ delle Caritas pugliesi, offerte come esempio alle Caritas di tutta Italia?
Non sono state certo pensate inizialmente come progetti esemplari. Ma la condivisione è stata il filo conduttore di queste giornate.

Dopo cinque anni di direzione, le è stato rinnovato il mandato. Come stanno cambiando le povertà? Quale sarà la rotta?

Leggi tutto “Contro la crisi serve comunita’”

Concluso 39° convegno nazionale delle Caritas diocesane

“In mezzo ai problemi, con le scarpe sporche, per proporre alternative”

http://m.famigliacristiana.it/articolo/in-mezzo-ai-problemi-con-le-scarpe-sporche-per-proporre-alternative.htm

Carità non solo nella scia delle emozioni…Buona Pasqua veramente.

Questa che vediamo non è un’immagine che viene da chissa quale paese..ma da un paese della nostra Sicilia, proprio al centro della Sicilia. Sicilia ricca di storia  tradizioni,  bellezze naturali, archittettoniche, storiche, paesaggistiche.  Ricca in tutti i sensi. Si sono sprecati fiumi di inchiostro per raccontare la nostra isola, non solo per le sue bellezze e  ricchezze di tutti i tipi.  Un’immagine del genere non la dovremmo nemmeno vedere, eppurre ogni giorno nella storia di ciascuno di noi,  immagini come questa si ripropongono  ai nostri occhi e al nostro cuore. Ponendoci sempre lo stesso interrogativo: perchè?….perchè la povertà, l’indigenza, l’ignoranza, la disoccupazione, la solitudine…perche l’umiliazione di intere generazioni. Questi due bambini che osservano increduli con i loro occhi innocenti dovrebbero farci riflettere profondamente ed innescare una reazione a catena, come quella della bomba atomica, con una differenza fondamentale, che quella portava morte  distruzione, pianto dolore e questa,  invece,  una reazione a catena di atti d’amore, di compassione, di empatia, di conversione vera. Se c’è un mio fratello o sorella che implora in ginocchio c’è  anche una nostra responsabilità diretta o indiretta. Diretta o indiretta in base alle responsabilità e alla partecipazione che ciascuno di noi ha nella storia. Si,  quella storia grande del mondo che è fatta da piccoli pezzettini di storia di ciascuno di noi. Se ci sono delle povertà ormai stutturate nelle  quali tanti fratelli e sorelle sono ormai quasi incarcerati, senza possbilità di uscita dipende molto anche dalle scelte che ogni giorno facciamo. Da quella indifferenza che ormai sembra una malattia cronica che come un tumore invade le nostre vite e il corpo che è questa nostra società.  Questa riflessione,  però,  illuminata dal Vangelo,  rivista con chiarezza,  avendo davanti agli occhi i fatti e le parole di Gesù di Nazaret,  diventa non un misero tentativo per dare una risposta a tutto questo, ma una vera illuminazione che opera uno scardinamento dell'”impotenza dell’amore”. Leggi tutto “Carità non solo nella scia delle emozioni…Buona Pasqua veramente.”

Biscottini Caritas… a Piazza Armerina in collaborazione con Frate Gio’ onlus, la Pizza sospesa.

Parte a Piazza Armerina  il progetto “pizza sospesa”, promossa dalla Caritas   in collaborazione con FRATE GIO’ onlus di Piazza Armerina. Il progetto trae ispirazione dal  tradizionale “caffè sospeso”. In realtà se cerchiamo nella rete troviamo diverse esperienze del genere sparse un po’ ovunque in Italia e nel mondo. E’ bello che questa esperienza di  bene si diffonda  e che  anche nella nostra Piazza Armerina venga promossa questa opera di misericordia, piccola ma tanto utile. Silenziosa e riservata, come deve essere il bene fatto al fratello bisognoso. Questo progetto vuole spronarci a dare il nostro contributo per un mondo più aperto e solidale, ricordandoci anche chi “non sta alla nostra tavola”. Il progetto fonda il suo funzionamento sui principi dell'”Economia del dono”. Una nuova idea di economia basata sul principio della gratuità del dono e del legame che cresce spontaneamente tra le persone di diversa estrazione e condizione economiche.  La nostra cultura e la nostra economia non solo genera rifiuti-oggetti, ma genera purtroppo anche “rifiuti umani”. Non scarta solo il cibo, ma anche le persone. La persona non è considerata come un valore primario da promuovere, ma scarto da eliminare. Questa logica deve essere trasformata e lo si può fare solo a condizione di rimettere al centro il valore della persona umana.  Leggi tutto “Biscottini Caritas… a Piazza Armerina in collaborazione con Frate Gio’ onlus, la Pizza sospesa.”

Carestia in Africa: nuovo appello Caritas alla solidarietà, nella Giornata Mondiale dell’Acqua

Mente si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, continuano incessanti gli appelli delle agenzie internazionali e delle Chiese africane per la gravissima crisi alimentare che sta investendo diversi paesi del continente a causa di conflitti localizzati, siccità e volatilità dei prezzi del cibo. Dopo il Sud Sudan anche in Somalia è stato dichiarato lo stato di carestia, che vuol dire rischio di morte per fame.  Se in questi due paesi – insieme alla parte Nord occidentale della Nigeria – ci sono le situazioni più gravi, la crisi investe anche altre zone del Corno d’Africa, dell’Africa orientale e meridionale.
La rete Caritas in Africa da mesi sta potenziando gli interventi per la sicurezza alimentare delle comunità con particolare attenzione alla fasce più vulnerabili (minori, donne, malati), ma l’entità dei bisogni è tale da richiedere con urgenza un impegno ulteriore e una solidarietà internazionale che purtroppo sino ad ora non è stata sufficiente.
“In questo momento è più che mai necessario l’impegno di tutti a non fermarsi solo a dichiarazioni, ma a rendere concreti gli aiuti alimentari e a permettere che possano giungere alle popolazioni sofferenti”.  È l’accorato appello di papa Francesco all’udienza dello scorso 22 febbraio che Caritas rilancia con forza (vedi pagina su crisi alimentare), per evitare che si resti indifferenti davanti a questa drammatica crisi e si ripeta quanto accadde nel 2011, quando morirono per fame 250.000 persone.

Al via il Convegno nazionale delle Caritas sullo “sviluppo integrale”

http://it.radiovaticana.va/news/2017/03/27/al_via_il_convegno_nazionale_delle_caritas_/1301487

Italia Caritas. La rivista del mese di marzo 2017

 

 

 

 

ICmarzo2017

Il Papa tra i detenuti di San Vittore: “Voi per me siete Gesù”

 

 

http://www.news.va/it/news/il-papa-tra-i-detenuti-di-san-vittore-voi-per-me-s

Papa Francesco incoraggia i diaconi: non siete mezzi preti, anche se avete la suocera

http://www.farodiroma.it/2017/03/25/francesco-incoraggia-diaconi-non-siete-mezzi-preti-anche-avete-la-suocera/amp/

 

Milano, il Papa alle Case Bianche: “Entro da sacerdote”

 

Prima tappa in una zona di periferia segnata da immigrazione e degrado, ma anche da solidarietà e speranza. Visita a tre famiglie disagiate. Il saluto nella piazza: «Lasciatevi restaurare da Dio»

http://www.lastampa.it/2017/03/25/vaticaninsider/ita/vaticano/milano-il-papa-alle-case-bianche-lasciarsi-restaurare-da-dio-rL568embVUbu4S2avbDoJN/pagina.html